Tecnologia

Home/Tecnologia

Il nuovo sistema Geosystem Minipalo Technology® coperto da brevetto, si pone sul mercato come l’unica possibilità di risolvere problematiche legate a cedimenti fondali con conseguenti fessurazioni sulle pareti in modo rapido, a bassissima invasività, calcolabile e immutabile nel tempo, ponendosi come valida alternativa ai classici micropali.

Tale tecnologia è specificatamente studiata per il consolidamento di edifici dissestati dovuti a cedimenti di fondazione, consentendo di ottenere un’azione di pari efficacia agli interventi tradizionali, con il vantaggio di ridurne l’invasività.

Attualmente la tecnologia ed il mercato offrono al cliente, che necessita di un consolidamento del terreno o l’eliminazione di cedimenti fondali, due possibilità contrapposte: eseguire dei micropali con l’aggravio di tutte le opere correlate (scavi, cordoli di collegamento e successiva ricostruzione), o iniettare resine espandenti a base poliuretanica che consolidano direttamente il terreno senza agire sul fabbricato, ma con il limite di risolvere problematiche di cedimento superficiale di modesta entità.

L’innovazione offerta dal “Minipalo Geo-system®” combina i vantaggi di entrambi le tecnologie descritte, permettendo l’impiego congiunto di resine poliuretaniche espandenti (e/o malte cementizie espandenti), a pali in acciaio di ridotto diametro.

Il procedimento, difatti, consiste nell’inserimento di barre di acciaio cave ad elevata resistenza attraverso l’impiego di macchinari a rotopercussione di piccolo diametro (utilizzabili anche all’interno di garages e scantinati), fino a raggiungere gli strati più profondi e compatti del terreno, riducendo notevolmente disagi e tempi di lavoro.

Vantaggi

  • possibilità di impiegare barre autoperforanti con Ø da 32 a 51 mm, in funzione delle prestazioni richieste;

  • possibilità di impiegare resine o malte espandenti studiate e sviluppate per lo specifico impiego nel settore dell’ingegneria civile e geotecnica;

  • possibilità di raggiungere facilmente le profondità richieste, consentendo di trasferire efficacemente i carichi a terreni indisturbati, non soggetti agli effetti delle variazioni climatiche stagionali e con idonee caratteristiche fisico-meccaniche;
  • possibilità di attraversare terreni e manufatti di ogni tipo e consistenza;
  • impiego di macchinari ed attrezzature di ridotto peso ed ingombro, consentendo quindi di operare anche in ambienti o zone di piccole dimensioni e/o di difficile accesso;
  • utilizzo di un’unica perforazione, per iniettare resine con caratteristiche diverse (per composizione, densità, pressione, consistenza, velocità di indurimento ) ed in tempi diversi, in funzione delle caratteristiche dell’opera da realizzare e delle condizioni della struttura e dell’assetto litostratimetrico e geotecnico dei terreni interessati;
  • possibilità di iniettare, utilizzando le medesime tecnologie, anche malte cementizie speciali;
  • possibilità di localizzare le iniezioni lungo tutta la lunghezza del minipalo attraverso degli specifici manicotti valvolati appositamente studiati e brevettati;
  • monitoraggio in continuo tutti i parametri dell’iniezione, consentendo di ridurre al minimo l’indesiderato sollevamento delle strutture (pavimentazioni, ecc.) e/o di ovviare ad eventuali problematiche impreviste;
  • estrema flessibilità ed adattabilità del sistema alle diverse esigenze tecniche ed ambientali;
  • possibilità di sviluppare un modello di calcolo finalizzato al dimensionamento dell’intervento da realizzare;

tecnologia_01

L’utilizzo di pali di piccolo diametro “Minipalo Geo-System®” consente di ridurre le dimensioni delle perforazioni, limitando le dimensioni delle macchine operatrici e il disagio di un cantiere all’interno di edifici abitati.

La riduzione della dimensione dei minipali è compensata dall’iniezione nel terreno di resine poliuretaniche bicomponenti ad elevata resistenza, e/o da una malta cementizia espandente appositamente studiata (Geo-Xp).

Tutti prodotti iniettati riempiono i vuoti presenti conferendo un’elevata resistenza a compressione al terreno.

La perforazione assolve ad una duplice funzione.

Il primo tratto -testa di ancoraggio-, verrà iniettato con betoncino epossidico o con una speciale malta reoplastica, appositamente studiata e “Microgrout Injection Anchor”, di tipo colabile a rapido indurimento, capace di trasferire le sollecitazioni dall’armatura metallica alle fondazioni esistente (in muratura o c.a.), per una lunghezza sufficiente a trasferire il carico dell’edificio sui minipali.

Il secondo tratto del “Minipalo Geo-System®” viene inserito nel terreno per una lunghezza determinata in funzione del carico limite stabilito dal progettoe successivamente iniettato con resina di tipo poliuretanico bicomponente con un grado di espansione fino a cinque/otto volte il volume iniziale ed una resistenza a compressione pari a 30 N/mmq o con la malta cementizia espandente “Geo-Xp”, con resistenza a compressione in espansione libera di 7 MPa a 28 gg (EN 196) in grado di raggiungere un livello di espansione pari a 80-100% del suo volume iniziale.

La scelta del prodotto di iniezione varia in funzione della tipologia del terreno da consolidare, in ogni caso entrambi consentono sia di trasferire le sollecitazioni dell’armatura al terreno, sia di consolidare il terreno stesso, grazie alla capacità di resistenza, penetrazione ed espansione dei materiali impiegati.

I “Minipali Geo-system®” possono lavorare autonomamente oppure essere collegati tra loro, alla sommità, con piastre o piatti in acciaio di varia forma e dimensioni (dritte, ad angolo, ecc.) secondo necessità, collegate alla fondazione con elementi di fissaggio che variano in funzione del supporto.

L’accoppiamento piastra- “Minipalo Geo-System®” viene assicurato con bulloni in acciaio ad alta resistenza, il tutto al fine di creare una cordolatura sulla fondazione della zona interessata dall’intervento, evitando eventuali cedimenti differenziati.

E’ possibile eseguire collaudi su ciascun “Minipalo Geo-System®” prima del collegamento finale alla struttura per mezzo dell’assegnazione temporanea dei carichi di esercizio.