Trasferimento del carico

Home/Trasferimento del carico

IL MINIPALO GEO-SYSTEM®

Il sistema di fondazioni di tipo profondo eseguito con la tecnologia “Geo-system” consiste nel realizzare pali di piccolo diametro per:

  • trasferire il carico e le sollecitazioni del sistema fondale superficiale a strati di terreno profondi;
  • consolidare il terreno delle fondazioni esistenti mediante l’ausilio di resine espandenti e/o cementi espandenti.

img_1.1

1. Tubo d’iniezione della malta cementizia espandente o resina poliuretanica ricomponente espandente per l’ancoraggio della barra al terreno.

2. Tappo di chiusura.

3. Tubo d’iniezione della malta cementizia espandente o resina poliuretanica ricomponente espandente per l’ancoraggio della barra al terreno.

4. Manicotto in acciaio con diametro di 51 mm con valore di non ritorno.

5. Bulbo di malta cementizia espandente o resina poliuretanica ricomponente espandente per l’ancoraggio della barra al terreno.

6. Bit autoperforante in acciaio.

img_1.2

1. Barre autoperforanti ad aderenza migliorata in acciaio.

2. Manicotto in acciaio.

3. Valvola di non ritorno da 10 – 20 bar.

4. Bit autoperforante in acciaio.

Il Minipalo Geo-System® è costituito da una barra cava in acciaio ≥ S355 del tipo autoperforante Ø32/38/51 mm.

Gli spessori sono variabili in funzione del tipo di barra da utilizzare:
– sp. 5,2 mm. per le barre Ø32/38;
– sp. 9,4 mm per le barre Ø51.

CARATTERISTICHE PRINCIPALI

  • le barre possono essere di lunghezza diversa collegandole con manicotti di giunzione (anche del tipo valvolato).
  • le barre sono corredate di una punta a perdere di perforazione dotata di: bit per i fori in roccia e per l’attraversamento delle murature; trilama per l’attraversamento dei terreni di qualsiasi natura.

img_1.3_ok

1. Tubo d’iniezione della malta cementizia espandente o resina poliuretanica bicomponente espandente per l’ancoraggio della barra al terreno.

2. Armatura del Minipalo-Geosystem con barre ad aderenza migliorata in acciaio con diametro di 38 mm.

3. Tubo d’iniezione della malta reoplastica a rapido indurimento o betoncino epossidico per l’ancoraggio della barra alla muratura.

4. Perforo su muratura eseguito a sola rotazione con macchina carotatrice dotata di corona diamantata.

5. Malta reoplastica a rapido indurimento o betoncino epossidico per l’ancoraggio della barra alla muratura.

6. Fondazione in muratura esistente.

7. Guarnizione di tenuta.

8. Manicotto in acciaio con diametro di 51 mm, con valvole di non ritorno.

9. Bulbo di malta cementizia espandente o resina poliuretanica bicomponente espandente per l’ancoraggio della barra al terreno.

10. Bit autoperforante in acciaio.

L’armatura viene inserita a rotopercussione creando un foro variabile tra i 60/100 mm.

La perforazione deve interessare la fondazione esistente (muratura/c.a.) per una lunghezza sufficiente a trasferire il carico ultimo del palo alla fondazione o parete da sostenere.

La testa di ancoraggio viene iniettata con:

  • betoncino epossidico (conglomerato di resina epossidica e sabbia o farina di quarzo);
  • malta reoplastica (miscela a indurimento rapido, colabile o iniettabile a base di cementi ad alta resistenza, filler superpozzolanici, modificanti polimerici, aggregati selezionati);
    per trasferire le sollecitazioni dell’armatura metallica alla muratura/c.a. per adesione delle pareti del perforo alla muratura/c.a. stessa.

img_1.4

1. Tubo d’iniezione della malta cementizia espandente o resina poliuretanica bicomponente espandente per l’ancoraggio della barra al terreno.

2. Armatura del Minipalo-Geosystem con barre ad aderenza migliorata in acciaio con diametro di 38 mm.

3. Tubo d’iniezione della malta reoplastica a rapido indurimento o betoncino epossidico per l’ancoraggio della barra alla muratura.

4. Perforo su muratura eseguito a sola rotazione con macchina carotatrice dotata di corona diamantata.

5. Malta reoplastica a rapido indurimento o betoncino epossidico per l’ancoraggio della barra alla muratura.

6. Fondazione in muratura esistente.

7. Guarnizione di tenuta.

8. Manicotto in acciaio con diametro di 51 mm, con valvole di non ritorno.

9. Bulbo di malta cementizia espandente o resina poliuretanica bicomponente espandente per l’ancoraggio della barra al terreno.

La restante lunghezza di perforazione interessa il terreno per una lunghezza determinata dal carico limite di progetto.

Tale tratto può essere iniettato con:

  • una resina poliuretanica bicomponente, con resistenza a compressione di 15÷18 MPa e grado di espansione fino a 3 volte il volume iniziale;
  • “Geo-Xp”, ovvero malta cementizia espandente appositamente studia e formulata per le iniezioni dei “Minipalo Geo-System®” con resistenza a compressione in espansione libera di 7 MPa a 28 gg (EN 196), in grado di realizzare boiacche cementizie cellulari leggere per espansioni in sito dell’ordine di 80÷100% del volume iniziale, in funzione del terreno.

img_1.5

1. Tubo d’iniezione della malta cementizia espandente o resina poliuretanica bicomponente espandente per l’ancoraggio della barra la terreno.

2. Tappo di chiusura.

3. Fondazione in muratura esistente.

4. Armatura del Minipalo Geo-System con barre ad aderenza migliorata in acciaio con diametro di 38 mm.

5. Manicotto in acciaio con diametro di 51 mm con valvole di non ritorno.

6. Bulbo di malta cementizia espandente o resina poliuretanica bicomponente per l’ancoraggio della barra al terreno.

7. Bit autoperforante in acciaio.

Il tratto di minipalo che attraversa il terreno permette di:

  • trasferire le sollecitazioni dell’armatura al terreno;
  • consolidare il terreno grazie alle caratteristiche di resistenza, penetrazione ed espansione della resina poliuretanica o della boiacca cementizia espandente.

Per l’esecuzione a regola d’arte le barre autoperforanti che fungono sia da asta di perforazione e sia da armatura sono collegate tra loro con manicotti valvolati dotati di valvole di non ritorno con aperture a 10 o 20 atm e sono dotate di testa di perforazione a perdere.

img_1.6

1. Tubo d’iniezione della malta cementizia espandente o resina poliuretanica bicomponente espandente per l’ancoraggio della barra la terreno.

2. profilato ad “L” in acciaio per l’ancoraggio del Minipalo Geo-System alla muratura.

3. Barre in acciaio filettate corredate di piastrini e bulloni per l’ancoraggio del profilato AD “L” alla muratura.

4. Bullone di ancoraggio della barra d’armatura al profilato ad “L”

5. Spessore in acciaio.

6. Armatura del Minipalo Geo-System con barre ad aderenza migliorata in acciaio con diametro di 38 mm.

7. Manicotto in acciaio con diametro di 51 mm, con valvole di non ritorno.

8. Bulbo di malta cementizia espandente o resina poliuretanica bicomponente espandenet per l’ancoraggio della barra al terreno.

I minipali possono lavorare autonomamente oppure essere collegati tra loro alla sommità con piastre o piatti in acciaio dello spessore necessario, di varia forma e dimensioni.

Le piastre vengono collegate alla fondazione con elementi di fissaggio che variano in funzione del supporto, e in numero e in dimensioni secondo calcolo e necessità.
L’accoppiamento con la piastra viene assicurato da bulloni in acciaio ad alta resistenza, per creare una cordolatura della zona interessata di fondazione per evitare eventuali cedimenti differenziati.